Responsabile sicurezza: sai cosa rischi? Ecco le garanzie di una marchiatura CE

Strutture acciaio marcate CE - Penta Systems

In un articolo precedente, abbiamo introdotto la normativa EN1090. Come hai imparato, questa norma prevede la “marcatura CE”.

Ma quali garanzie può darmi? E, al contrario, cosa rischio?

GARANZIE – Che garanzie dà la marcatura CE?

Garantisce che la struttura è stata progettata e costruita rispettando le prestazioni di sicurezza indicate dalla norma.

Il produttore, per marcare CE il prodotto, è soggetto a controlli da parte di un organismo notificato che ha il compito di verificare che venga rispettato quanto indicato nella norma stessa.

Pertanto, l’acquisto di un prodotto marcato CE garantisce che il produttore ha i requisiti necessari per la progettazione (nel caso sia a carico del produttore, cioè Marcatura CE 3b) e la produzione del manufatto.

I RISCHI – L’acquisto di prodotti non marcati, oltre ad essere illecito, comporta la perdita di ogni assicurazione riguardo l’opera ed eventuali danni derivati.

Inoltre, in sede di collaudo, le autorità (Genio Civile) potrebbero richiedere la sostituzione della struttura non marcata CE, con una correttamente marcata. L’utilizzo di carpenterie non marcate espone ulteriormente la direzione lavori e la committenza ad assumersi una maggiore responsabilità nei confronti dell’opera stessa, in quanto hanno, entrambi per le proprie competenze, deciso di utilizzare prodotti non a norma che non garantiscono gli adeguati livelli di sicurezza richiesti.

PROGETTAZIONE O PRODUZIONE? – Esistono diverse tipologie di marcature CE. Nel particolare, vorrei mettere l’accento sulle differenze tra Marcatura CE 3A e Marcatura CE 3B.

La Marcatura CE 3A prevede che il costruttore riceva un progetto dal committente e si limiti alla produzione. L’azienda marcata “3A” non è, quindi, autorizzata a progettare l’elemento.

La Marcatura CE 3B, invece, consente al costruttore anche la progettazione dell’elemento.

Per esempio, nella nostra azienda possiamo marcare 3B e quindi garantire anche la progettazione.

 

UN PRODUTTORE MARCATO CE – La marcatura del prodotto garantisce che:

  • L’azienda produttrice è in grado di progettare l’opera (nel caso di marcatura 3b)
  • L’azienda produttrice gestisce correttamente l’acquisto, il trasporto e lo stoccaggio della materia prima e dei materiali di apporto della saldatura
  • L’azienda produttrice è autorizzata a realizzare le saldature necessarie, attraverso l’utilizzo di procedimenti certificati (WPQR) e personale qualificato (patentini saldatori)
  • Che i macchinari di taglio e foratura permettano lavorazioni con caratteristiche idonee a non limitare la resistenza dei componenti strutturali
  • L’azienda produttrice adotta procedimenti di finitura e protezione (zincatura, resistenza al fuoco,…) a norma
  • L’azienda produttrice detiene la tracciabilità dei materiali costituenti la struttura

 

TRACCIABILITÀ – E i materiali utilizzati?

I materiali costituenti la parte strutturale dell’opera devono essere marcati a loro volta (UNI EN 10025 per i laminati a freddo, UNI EN 10219 Tubi formati a caldo, UNI EN 10210 Tubi formati a freddo). La tracciabilità attraverso le bolle di trasporto dei materiali, permette di risalire dalla marcatura del prodotto finito, alla marcatura dei singoli pezzi (tubi, lamiere, materiale di apporto delle saldature) costituenti la struttura.

Pertanto, la marcatura garantisce che il prodotto finito ha subito una serie di controlli e lavorazioni prima di essere immesso sul mercato, tali da garantire la sicurezza necessaria.

STRUTTURA –  La norma UNI EN 1090-1, permette al progettista di definire la classe di esecuzione dell’opera in funzione dell’importanza della stessa in termini di: rischi connessi all’esercizio della struttura, rischi connessi al metodo di costruzione della struttura e danni derivanti dall’uso della struttura.

Nel caso di strutture ordinarie, la classe di esecuzione è la EXC2 ed è quella che viene comunemente utilizzata.

È molto importate segnalare che il produttore, in funzione delle strutture che andrà a fabbricare, deciderà se certificarsi per una classe di esecuzione specifica.

La nostra azienda (Penta Systems) ha deciso di certificarsi per la classe di esecuzione EXC2, pertanto è idonea a realizzare carpenteria strutturale in classe EXC1 ed EXC2.

 

VADEMECUM –  Riassumendo, ecco alcuni temi che devi tenere presente:

  • Assicurazione: sei assicurato? Bene! Ma non basta. Se non viene rispettata la norma EN-1090 non sei tutelato dai rischi.
  • Progettazione: sai cosa stai comprando? Il tuo produttore è certificato per progettare un elemento o solo per produrlo? Verifica la marcatura 3A o 3B.
  • Tracciabilità dei materiali: conosci i materiali che usi? Ti tieni tutta la responsabilità? Un’azienda certificata ti permette di intercettare tutta la filiera, di avere tutti i documenti di trasporto delle materie prime.
  • Saldature: la patente non basta per guidare! Il solo fatto che i saldatori abbiano i “patentini” non significa che possano eseguire saldature a norma. Ricordalo!

 

Un articolo un po’ complesso e carico di dati questo. Ma un po’ di dati non fanno male quando si tratta di sicurezza. Se hai a che fare con elementi strutturali, ti consiglio di approfondire l’argomento. Questo articolo può servirti come “traccia” per approfondire alcuni temi. E per chiedere la giusta certificazione al tuo fornitore!

Buon lavoro!

(Questo articolo è stato scritto in collaborazione con l’ingegner Christian Pelati che si occupa degli aspetti legati alle certificazioni normative e di prodotto in Penta Systems) 

Se vuoi chiedermi qualche informazione in più o sapere cosa possiamo fare per te, non esitare a contattarmi, ti risponderò al più presto.

– SE TI INTERESSANO QUESTI ARGOMENTI, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO –

Ecco gli argomenti che ho già trattato:

Manuele Perlati

Manuele Perlati

Head of Sales at Penta Systems
Metal lover, design addicted, "less is more" supporter.
Contract del metallo, suggerisco la migliore ingegnerizzazione per arredi su misura.
Manuele Perlati
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *